Un nuovo bagno da arredare e quale migliore occasione per inserire una nuova cabina doccia? Relax e benessere sono anelati da chiunque e una doccia idromassaggio può farvi vivere momenti davvero piacevoli mentre vi lavate, rilassandovi e ricaricando le pile del vostro corpo. I modelli disponibili sono tantissimi, ognuno di queste ha caratteristiche diverse, che si addicono a una vasta gamma di utenti.

La cabina doccia è presente in diverse forme per potersi adattare meglio a tutte le varie tipologie di bagno che si possono incontrare, e, per lo stesso motivo, le dimensioni disponibili sul mercato sono molto variabili. Le tecnologie disponibili all’interno dipendono essenzialmente dal prezzo che si è disposti a pagare: in nessuna cabina doccia mancheranno getti idromassaggio, solitamente disposti a colonna, mentre gli atri optional sono variabili. Esistono, infatti, docce che hanno al loro interno un pannello per controllare la radio e le abbinate casse per la musica, generatori di profumi per poter eseguire l’aromaterapia, possibilità di produrre ozono, massaggio plantare e luci led che consentono di avviare un programma di cromoterapia. Accessori che sono al contrario indispensabili in una doccia idromassaggio, sono un soffione installato in alto e un miscelatore per regolare la temperatura dell’acqua e il getto. In alcuni casi è possibile installare anche accessori che permettono di effettuare un bagno turco direttamente nella cabina doccia.

Per quanto riguarda i prezzi, si possono trovare soluzioni molto economiche che si aggirano attorno ai 400 euro, fino ad arrivare a docce che raggiungono i 2000 euro e oltre. Quest’ultime sono solitamente molto spaziose e possono ospitare al loro interno più di una persona. Una comodità di queste docce più grandi è proprio la possibilità di avere al loro interno un bagno di vapore o bagno turco: questo trattamento è un vero toccasana per la pelle e per l’organismo e difficilmente si troverebbe un posto alternativo in cui inserirlo in casa. Inoltre, una volta effettuato il bagno, si può direttamente utilizzare la doccia, evitando di uscire dalla struttura sporcando il bagno. Un altro fattore che si rivela a favore delle docce idromassaggio, con rispetto alle vasche idromassaggio, è che le prime sono molto più comode da pulire e sono molto più semplici da utilizzare, a differenza delle vasche che richiedono una mobilità fisica molto maggiore. Inserire, quindi, una doccia idromassaggio all’interno del nuovo bagno può essere davvero uno splendido regalo da farsi. I costi limitati e il poco spazio che richiedono le soluzioni più economiche, può essere un ulteriore incentivo per decidere di installare una cabina doccia: la tua  famiglia potrà usufruirne e vedrete come, dai più grandi ai più piccoli, questo oggetto sarà sfruttato. Un momento di relax davvero unico che puoi vivere in casa tua.

Prima era un elemento di lusso quasi sfrenato, e la cosa curiosa è che parliamo di qualche decennio fa: allora l’idromassaggio era possibile trovarlo nelle case di personaggi in vista.
Oggi, 2010, è un elemento irrinunciabile di molte case, e nonostante rimanga una componente particolare ha raggiunto una concorrenza abile tra le varie case produttrici il che fa si che si sia venuta a creare nei prezzi una competitività davvero inaspettata.
L’idromassaggio, è ora alla portata di un discreto numero di persone.

Ma vi siete mai chiesti chi ha inventato la vasca idromassaggio?

Ebbene, non stupitevi: il suo papà ha un cognome, e pure famoso.
Jacuzzi.

La storia narra di una casuale ma geniale invenzione che avrebbe per sempre cambiato le sorti della famiglia, ma procediamo con calma.

La famiglia Jacuzzi, originaria del Friuli, ma residente nello stato della California dal lontano 1917, si è sempre occupata con modesti risultati di ben altri articoli di produzione: la specialità della famiglia era infatti la progettazione e realizzazione parziale di pompe, eliche e pezzi di aeroplani.
Sicuramente è impossibile stupirsi di una cosa: in una famiglia dal lato creativo e manuale così sviluppato, i problemi pratici venivano sempre, come facilmente intuibile, risolti in famiglia senza alcun minimo cenno di problema.

Nel 1956 uno dei numerosi figli del signor Jacuzzi iniziò a soffrire lievemente di un tipo di artrosi reumatoide.
Il padre pensò bene di progettare appositamente per lui un’apparecchiatura terapeutica: una vasca da bagno classica unita al meccanismo di una pompa in modo da produrre bollicine massaggianti in grado di dare molto sollievo ai problemi del giovane.
L’invenzione rimase incredibilmente chiusa in casa fino al 1968, quando Roy Jacuzzi intuì in un battibaleno le potenzialità (sanitarie ed economiche) della sua vasca e pensò che potesse essere prodotta in serie ed avere un mercato molto fruttuoso.

Dopo che vi furono apportate alcune modifiche, le vasche entrarono in commercio ed ebbero subito un successo straordinario.

Ancora oggi, Jacuzzi è indissolubilmente sinonimo di idromassaggio per eccellenza.

Chi dice che il bagno debba essere la parte meno curata delle nostre case o dei nostri uffici? In fondo, è sempre una parte importante della nostra dimora, e trascurarla, non porta certamente grandi benefici estetici. In fin dei conti, sia chi ci abita che gli ospiti, avranno quasi sempre un contatto ANCHE con questa “stanza”, come con le altre. Allora non trascuriamo l’arredo bagno ma anzi, valorizziamolo al meglio: distinguiamoci dalla massa, e l’arredo fine, elegante ed originale della nostra abitazione spiccherà ancor di più.

Ovviamente non possiamo lasciarvi senza un consiglio pratico su come valorizzare l’arredo dei nostri bagni. Ed a tal riguardo, abbiamo in servo per voi una vera chicca. Si tratta delle vasche a forme angolari. Questo genere di vasche è studiato per adattarsi a scale, muri, e qualsiasi zona della casa, “angolare” appunto, dove di solito, una vasca non potrebbe mai essere inserita.

I modelli di vasca angolare sono davvero molteplici, ma tutti stupiscono per l’eleganza e la raffinatezza delle forme. L’aspetto estetico e la loro forma singolare, fa sì che le vasche angolari , possano essere utilizzate anche al di fuori del bagno; persino in zone interne (come soggiorni ecc.), soprattutto quando la vasca offre la funzione di idromassaggio, ovvero quando la vasca non si propone come semplice attrezzo igienico, ma anche come strumento di relax e benessere.