I Piatti doccia sono una tendenza crescente verso l’alto, e la varietà di modelli e materiali sul mercato continua a crescere.

Oggi ci sono quattro tipi di piatti doccia, ognuno con le proprie caratteristiche e, naturalmente, con i loro pro e contro.

1. Piatti doccia in ceramica

Piatti classici da doccia, di solito sono in ceramica   bianca (anche se sempre più ci sono altre proposte per il colore). Questo tipo di doccia è composto da feldspato, sabbia silicea e argilla. Tra i suoi punti di forza si evidenzia il prezzo, perché di solito è il più economico; al contrario, è molto pesante e costa di più installarlo; Inoltre, sono meno resistenti agli urti .

2. Piatti doccia in resina

La varietà di finiture di questo tipo di doccia è enorme. Questo è un piatto di marmo e resina a quasi il 80% della sua composizione, con una finitura totale antiscivolo con lacca, vernice o gelcoat  . Questa sarebbe la forza più importante,  e dobbiamo aggiungere che la sua superficie è molto sottile e l’installazione è anche molto semplice.

3. piatti doccia in acrilico

La doccia acrilico è all’esterno: la composizione interna è formata da fibre di vetro o poliuretano. Questo rende i piatti doccia in acrilico  ultra resistenti agli urti e quindi ad elevata durata nel tempo. Essi hanno anche un peso molto basso e con una varietà di modelli, la fascia di prezzo che si trova sul mercato è molto ampia.

4. Piatti doccia  in pietra naturale

Indubbiamente, è una delle opzioni più estetiche per una varietà di stili decorativi. Tuttavia,la pietra naturale è più fredda rispetto ad altri materiali. Una delle ragioni più comuni per cui la gente non opta  per questo tipo di doccia è la paura di cadere (si pensi  come scivolosa è la pietra quando piove, per esempio); ma il fatto è che la tecnologia attuale permette di ottenere di non scivolare sulla pietra senza rinunciare all’estetica.

La storia degli asciugamani comincia secoli fa nella città turca di Bursa, ancora rinomata al giorno d’oggi per la sua produzione di asciugamani e di teli per il mare. Durante l’eoca ottomana, la città di Bursa ha conosciuto una fiorente industria tessile, che garantiva stoffe pregiate per i palazzi reali, con le quali venivano realizzati tende, cuscini e i primi asciugamani er il bagno, lontani parenti dei moderni teli per il mare. Col passare dei secoli, gli asciugamani più grandi vennero poi utilizzati sulle spiagge e nelle piscine, fino a giungere ai nostri famosi e moderni teli per il mare personalizzati con il marchio. La storia che ha portato l’asciugamano ad evolversi e a divenire un telo per il mare è la storia della balneazione.

Breve storia della balneazione

La consuetudine di andare al mare in vacanza e di sostare sulle spiagge per godere del sole e del mare è un fenomeno piuttosto recente. Un tempo era impensabile, per una serie di fattori sociali complessi, ma dopo la rivoluzione Industriale, dalle seconda metà dell’Ottocento, le classi agiate e l’aristocrazia presero l’abitudine di effettuare delle gite presso le spiagge, e indossando particolari abbigliamenti, di praticare la balneazione. Le classi agiate consolidarono quest’abitudine a inizio Novecento, inaugurando i primissimi stabilimenti balneari e villaggi turistici,mentre la classe media e la classe operaia dovettero attendere gli anni Sessanta del Novecento, per cominciare ad adottare questa usanza. Ovviamente allora l’abbigliamento da bagno era ben diverso, e non esistevano i teli per il mare personalizzati con il marchio, che sono spuntati prepotentemente a partire dagli anni Ottanta, per diventare comuni al giorno d’oggi come forma di pubblicità indiretta e trendy.

L’importanza del telo mare giusto

Fare il bagno al mare è sicuramente divertente, ma lo è molto meno quando non portiamo con noi il nostro asciugamano. Asciugare al vento e al sole è possibile, ma sarebbe necessario farlo in piedi, per evitare la sabbia che si attacca su tutto il corpo, causando attrito, e insieme alla salsedine, irritazioni e arrossamenti. Per evitare questi fastidi e trasformare l’esperienza balenare in un qualcosa di piacevole e divertente, l’asciugamano da bagno si è evoluto in telo da mare. Un telo da mare può avere molte forme e molti design: esistono infatti numerosi teli per il mare personalizzati con il marchio. Qualunque sia il design, l’aspetto importante è la qualità. Il telo da mare giusto è un telo da mare resistente, robusto, soffice e sempre performante. Nonostante i lavaggi deve mantenere sempre intatte le sue caratteristiche di morbidezza, brillantezza del colore e assorbenza. Un buon telo mare può assicurarsi una durata di circa quattro anni, senza perdere mai la sua morbidezza.